Il Canale di Beagle attira ogni anno numerosi turisti per la quantità di attrazioni naturalistiche che offre.

Canale di Beagle.

Il Canale di Beagle è uno stretto che separa la grande isola della Terra del Fuoco dalle isole di Nueva, Picton, Navarino, Hoste, Londonderry, Stewart ed altre isole minori più a sud.

La sua parte orientale corre lungo il confine tra Cile e Argentina. Mentre quella occidentale appartiene completamente al Cile.

Lunghezza.

Il Canale, lungo 240 chilometri, nel suo punto più stretto è largo circa 5 chilometri. E la sua area più ad ovest, Darwin Sound, lo collega al Pacifico.
canal de beagle

Puerto Williams.

Il più grande insediamento sul canale è Ushuaia. Seguita dal cileno Puerto Williams, due degli agglomerati più meridionali del mondo. Ed il canale, sebbene sia navigabile da navi di grandi dimensioni, è poco frequentato dalle imbarcazioni. Che preferiscono le acque più sicure dello Stretto di Magellano a nord o del Passaggio di Drake a sud.

Il Canale di Beagle attira ogni anno numerosi turisti per la quantità di attrazioni naturalistiche che offre. Condividi il Tweet

Il canale prende il nome dalla nave HMS Beagle. Coinvolta nell’Ottocento in due rilievi idrografici delle coste della parte meridionale del Sud America. Nel secondo dei quali ospitò a bordo il noto Charles Darwin. Il Canale di Beagle attira ogni anno numerosi turisti per la quantità di attrazioni naturalistiche che offre, a livello paesaggistico, di flora e di fauna.

Leggi anche: Ushuaia è la città più australe del pianeta, la città alla “fine del mondo”.

Isla de los Pàjaros.

Tra di esse l’isola degli Uccelli (Isla de los Pajaros). Ove ammirare i cormorani imperiali o le procellarie giganti, l’isola dei Leoni Marini (Isla de los Lobos). Ed i suggestivi fari, tra i quali il più remoto è spesso chiamato Faro del Fin del Mundo.

canal de beagle itinerario

Gli Yamana si stabilirono sulle isole nel Canale di Murray circa 10.000 anni fa. Si rinvengono alcuni importanti siti archeologici che aiutano a datare gli insediamenti nella Baia Wulaia e sull’Isola di Navarino.

Benché sia navigabile da navi di grande stazza, esistono vie più sicure a sud come il Passaggio di Drake, e a nord come lo Stretto di Magellano. Molte isole minori (Pincton, Lennox e Nueva) fino a Capo Horn furono oggetto di una lunga disputa territoriale tra Cile e Argentina, nota come Conflitto del Beagle.

Secondo il Trattato di Pace e Amicizia del 1984 tra Cile e Argentina rientrano oggi in territorio cileno.

Stretto di Magellano.

Le navi di paesi terzi possono navigare tra lo Stretto di Magellano e Ushuaia attraverso il Canale della Maddalena e il Canale Cockburn al comando di un pilota cileno.

Il canale deve il suo nome alla nave HMS Beagle. Che effettuò ricerche idrografiche nella regione dal 1826 al 1830. Nel corso della sua spedizione, sotto il comando del capitano australiano Phillip Parker King, il capitano della Beagle Pringle Stokes si suicidò e fu sostituito dal capitano Robert FitzRoy.

L’imbarcazione continuò le proprie ricerche in un secondo viaggio sotto il comando di Fitzroy. Il quale ospitò a bordo Charles Darwin come appassionato di naturalismo. Darwin vide per la prima volta i ghiacciai non appena la spedizione raggiunse il canale e il 29 gennaio 1883. Appuntò sul proprio diario: “molti ghiacciai del più bel blu berillo creavano un contrasto con la neve”.

Galleria d’immagini.

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:

feed-rss-icon-mate-pava522

 

2 thoughts on “Il Canale di Beagle attira ogni anno numerosi turisti per la quantità di attrazioni naturalistiche che offre.

    • argentinatour il said:

      Infatti. Con conflitto del Beagle si intende il disaccordo tra Argentina e Cile circa la sovranità delle isole del canale Beagle e dello spazio marittimo adiacente, che rivestono un notevole valore strategico per il passaggio tra gli oceani Atlantico e Pacifico.
      I primi scontri risalgono al 1888 ma si riaccesero in particolare nel 1978, quando lo scontro armato sembrava imminente ma fu evitato grazie alla mediazione di Giovanni Paolo II e della Santa Sede, che agì in particolare tramite il nunzio apostolico argentino Pio Laghi, che si adoperò con successo nel 1978 nel raggiungimento di una soluzione diplomatica che permise di evitare l’escalation militare tra Argentina e Cile al culmine della crisi di confine nata per il possesso delle isole Picton, Lennox e Nueva. Questa “escalation” si scatenó quando il governo argentino dichiarò “insanabilmente nullo” il verdetto di una corte di arbitraggio internazionale che nel 1977 diede ragione al Cile.

Lascia un commento

*