Mesopotamia argentina un luogo dove crescono una fauna e una vegetazione generosa ed indomita.

La cosiddetta Mesopotamia argentina (Littoral o Litoral), un luogo dove crescono una fauna e una vegetazione generosa ed indomita, si estende dalle Cascate dell’Iguazú fino al limite con la provincia di Buenos Aires, mentre nelle zone ad est, la pampa ondulata della provincia di Santa Fe, comprende anche un potente polo industriale e commerciale di profilo zootecnico.

Accanto, tra i grandi fiumi dove vivono i pesci autoctoni più famosi e con maggiore presenza, e molto ricercati dai pescatori di tutto il mondo, scaturisce la selva del Chaco e Formosa, un eterno ed esuberante giardino dove abitano le laboriose tribù indigene. In Entre Ríos, la terra fertile favorisce l’agricoltura e l’allevamento del bestiame.

Questa è la zona del carnevale, con la variopinta sfilata delle sue mascherate, rito pagano che si ripete verso Nord, a Corrientes.

Veduta area dell’Esteros del Iberá

Mesopotamia argentina.

Il periodo migliore per visitare questa regione è l’estate (cioè il nostro inverno), calda ma foriera di qualche pioggia. Il clima di Santa Fe e di Entre Ríos è temperato mentre invece verso Nord, in Corrientes, Formosa e Chaco, il clima predominante è decisamente caldo e con piogge frequenti.

Anche per questo motivo che le cascate di Iguazù stupiscono per la loro grande portata di acqua.

Misiones, con clima subtropicale, è una delle province più umide del paese.

Mesopotamia argentina un luogo dove crescono una fauna e una vegetazione generosa ed indomita. Condividi il Tweet

Da vedere nella regione di Litoral.

Senza ombra di dubbio le cascate dell’Iguazú sono l’attrattiva più spettacolare. Si trovano a Nord di Misiones dentro il Parco Nazionale Iguazú, con una superficie di 67.000 ettari. la loro caratteristica principale è l’imponente portata d’acqua che cade da 70 metri di altezza in 275 salti e lungo 2,7 km. Si possono visitare lungo passerelle circondate dalla selva subtropicale.

Leggi anche:  Argentina Tour: i 10 articoli più letti nel mese di Maggio 2015.

Cascate dell’Iguazù.

Vale la pena vederle da più vicino imbarcati su un gommone o in una romantica passeggiata sotto la luna piena. Oltre allo spettacolo della Garganta del Diablo (Gola del Diavolo), il Salto Dos Hermanas (Due Sorelle) e l’isola San Martín è consigliabile percorrere il sentiero Macuco.

Confinano con il Brasile ed il Paraguay, ma il versante argentino è sicuramente il migliore. Una visita a quello Brasiliano però è consigliata, il passaggio della frontiera è abbastanza agevolo, senza grosse perdite di tempo.

La zona dell’Iberá, riserva naturale di oltre un milione di ettari che alterna le zone palustri, è il posto ideale per l’avvistamento di uccelli e anfibi, la pesca sportiva e l’ecoturismo. Arrivando a Misiones da Sud, si trovano diverse rovine di paesi gesuitici essendo la loro massima espressione l’insieme di San Ignacio Miní.

Leggi anche: Parco Nazionale Iguazù luogo dalla bellezza indescrivibile e avvolgente.

Sul confine della repubblica, vicino alla triplice frontiera con Brasile e Paraguay, sorgono le famose Cascate dell’Iguazú, polo turistico mondiale e un’esperienza indimenticabile.

Esteros del Iberá.

La zona di Esteros del Iberá, Corrientes, fornisce un ecosistema formato da lagune, zone palustri e bacini. Vi abitano scimmie, cervi dei pantani, maiali selvatici, yacaré, una ricca e abbondante flora e oltre 400 specie di uccelli. Da Colonia Carlos Pellegrini partono le lance e le barche por percorrerlo. Un parco nazionale da visitare è El Palmar, Entre Ríos. un totale di 8.500 ettari con una incredibile concentrazione di palme yatay, molte delle quali con oltre 8 secoli di vita.

Leggi anche:  Gli Esteros del Iberà sono la seconda più grande zona umida del pianeta.

Altre mete degne di nota sono: il Saltos del Moconá, Misiones: una screpolatura nel letto del fiume Uruguay di 3 km di lunghezza e da 5 a 12 metri di altezza forma questo incredibile salto. Si arriva in lancia da El Soberbio. Campo del Cielo, Chaco, è un area seminata di meteoriti caduti circa 6.000 anni fa. Il più grosso pesa ben 33,4 tonnellate. Presso El Impenetrable, Chaco, si trova una zona di densa vegetazione, un vero paradiso per l’ecoturista, come del resto a Bañado La Estrella, Formosa, dove la vasta riserva di fauna si può percorrere soltanto con una piroga.

Le specie autoctone – Diverse specie in pericolo di estinzione, come il yaguareté, il tatù, l’aguará guazú e il formichiere, popolano questa zona. Si possono anche osservare pecarí “labrado” e di collare, cervi, volpi grigie, puma, “carpinchos”, scimmie carayá, yacaré, serpenti curiyú e i tucani.

Pesca sportiva.

I fiumi Paraná, Uruguay, Paraguay, Bermejo e Pilcomayo offrono agli esperti pescatori locali e stranieri la possibilità di ottenere trofei quali: dorado, lasca, manduví, pacú, surubí e patí.

Misiones e Corrientes sono i più importanti produttori di yerba mate e tè.

Chaco è la provincia che occupa il primo posto per il suo cotone.

Santa Fe e Entre Ríos spiccano per l’agricoltura e la zootecnia.

Anche le passeggiate urbane possono essere degli ottimi spunti di viaggio. A Santa Fe, visitate la chiesa ed il Convento di San Francesco, come pure la Chiesa della Compagnia di Gesù, entrambe del secolo XVII. A Rosario troviamo il Monumento alla Bandiera e il lungofiume.

Rosario è una città attiva e laboriosa, dove si tengono molti congressi e convenzioni. Sempre a Rosario, in Provincia di Santa Fe, si trova il Monumento alla Bandiera. In questo luogo Manuel Belgrano, issò per la prima volta, il 27 febbraio 1812, la bandiera nazionale.

Leggi anche:  Parco Nazionale Iguazù luogo dalla bellezza indescrivibile e avvolgente.

In questa città è stato costruito il Monumento Nazionale alla Bandiera, che porta la firma degli architetti Alejandro Bustillo e Angel Guido e degli scultori José Fioravanti y Alfredo Bigatti. Presso Entre Ríos, mentre a San Josè troviamo il Palazzo San José e il Museo dell’Immigrante.

Gastronomia.

A nord la cucina subisce l’influenza guaraní dove la farina di mandioca è la protagonista, tanto nel chipá, il “mbeyu” (frittella) o accompagnando le carni. In tutta la zona del litorale, regnano i pesci: dorado, surubí o pacú, danno origine a diversi piatti.

Acquisti: pietre semipreziose: quarzo, geode, ametista. Il centro principale si trova a Wanda, Misiones.

Selleria, cesteria e artigianato indigena su legno.

Feste più importanti.

Oltre al Carnevale di Entre Ríos e Corrientes, a Resistencia, Chaco, è molto interessante la Biennale Internazionale di Scultura che si tiene a metà luglio. In agosto è molto popolare la Festa Nazionale del Dorado che si tiene a Paso de la Patria, Corrientes.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:

feed-rss-icon-mate-pava522

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Cuyo è una regione fortemente vocata all'agricoltura, in particolare alla viticoltura. Successivo La Patagonia Argentina offre agli occhi del visitatore una natura incontaminata.

2 thoughts on “Mesopotamia argentina un luogo dove crescono una fauna e una vegetazione generosa ed indomita.

Lascia un commento

*