Crea sito

L’Argentina è stata attraverso i reperti paleontologici la terra promessa dei dinosauri.

L’Argentina ha dimostrato di essere, attraverso le scoperte paleontologiche dei dinosauri argentini, la terra promessa di scienziati, paleontologi e amanti dei grandi sauri che una volta, più di 65 milioni di anni fa, hanno dominato il pianeta per un periodo di tempo superiore a 160 milioni di anni.

L’Argentina era nella preistoria, un sito fortemente popolato da dinosauri. Allo stato attuale, la scoperta di resti fossili ha suscitato l’attenzione dei paleontologi di tutto il mondo, nonché dei turisti provenienti dal paese e dall’estero.

Parallelamente ai cambiamenti nelle specie viventi, ci furono anche grandi cambiamenti geografici e climatici.

C’era, a quel tempo, un continente unico sul pianeta, noto come Pangea.

Le Ande non si erano ancora formate, permettendo al mare di raggiungere l’attuale provincia di Neuquén.

L’Argentina era nella preistoria, un sito fortemente popolato da dinosauri.

Argentina preistorica, terra di dinosauri.

100 milioni di anni fa, il territorio della Patagonia era costituito da prati popolati da foreste tagliate da fiumi e torrenti. 

Circa 30 siti con resti fossili sono stati trovati nella provincia di Neuquén.

Argentina preistorica, terra di dinosauri.

Successivamente, le acque si ritirarono lasciando grandi laghi e vegetazione lussureggiante sul loro cammino, costituendo un habitat ideale per lo sviluppo della vita dei dinosauri.

Leggi anche:  Parco Nazionale Talampaya, grande varietà di formazioni geologiche che vanno dall'era precambriana alla quaternaria.

Nel corso del periodo Giurassico, i giganti vivevano pacificamente nutrendosi di foreste di conifere e grandi alberi come le araucarie. Con la formazione della Cordillera de los Andes, nel terziario, vi fu una seconda invasione delle acque provenienti dall’Oceano Atlantico.

Ciò è stato particolarmente importante per l’attuale lavoro dei paleontologi, poiché i processi di sedimentazione, dopo queste due invasioni di acqua di mare, hanno contribuito a favorire i resti fossili. Si ritiene che i processi di sedimentazione sarebbero la chiave per la conservazione dei resti fossili.

100 milioni di anni fa, il territorio della Patagonia era costituito da prati popolati da foreste tagliate da fiumi e torrenti. 

Le Ande non esistevano, sebbene esistessero vulcani attivi. L’Oceano Pacifico ha raggiunto questo territorio.

Con questo suolo e caratteristiche geografiche, il clima che si presentava era tropicale o umido subtropicale.

Con la formazione della Cordillera de los Andes, nel terziario, vi fu una seconda invasione delle acque provenienti dall’Oceano Atlantico.

Tra la vegetazione cretacea, c’erano specie di araucaria, ginkos e altre stranezze primitive.

C’erano felci sotto gli alberi, cicale e le prime piante fiorite fecero la loro comparsa. In quel periodo visse il più grande carnivoro finora scoperto, il Giganotosaurus Carolini, le cui dimensioni erano lunghe circa 14 metri.

Leggi anche:  La Patagonia Argentina offre agli occhi del visitatore una natura incontaminata.

Nello stesso ambiente, viveva con piccoli carnivori ed erbivori, evidenziando l’Andesaurus Delgadoi.

Le tartarughe acquatiche, i predecessori di quelli attuali e i piccoli mammiferi primitivi, così come i rettili volanti, un esempio di questo era il pterosauro e gli insetti come le libellule, sebbene più grandi di quelli esistenti oggi accanto agli invertebrati, facevano parte dell’ecosistema prevalente .

Circa 30 siti con resti fossili sono stati trovati nella provincia di Neuquén.

Sono state identificate circa 40 specie di dinosauri distribuite nelle province di Salta, San Juan, in particolare nella Valle della Luna (Ischigualasto), San Luis, Mendoza, La Rioja, Chubut, Neuquén, Río Negro, Santa Cruz e persino nel Antartida.

Ciò rappresenterebbe circa il 10% del totale delle specie trovate in tutto il mondo, finora. Il che ci dà lo schema di rilevanza paleontologica accreditato in tutto il mondo dall’Argentina, in termini di reperti preistorici e come culla e primitivo ecosistema di dinosauri.

In tutta la Patagonia, ci sono numerosi “ossa di pietra” frolil; denominazione che gli indigeni dei mapuches davano ai resti fossili.

Nella provincia di Neuquén, ad esempio, negli ultimi tre decenni sono stati trovati circa 30 siti con resti fossili.

Leggi anche:  Turismo avventura in Argentina (alpinismo): scalata alla cima del vulcano Lanín.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.