La Boca, il quartiere genovese di Buenos Aires.

Cosí scriveva, nel 1930, de Souza Reilly a proposito della Boca, il quartiere “genovese” di Buenos Aires: Non appena giungiate alla Boca del Riachuelo, i vostri cinque sensi vi grideranno all’orecchio come un capostazione: “Genova! […].

Le parole, gli odori, i sapori, insomma tutto vi produrrà l’impressione pittorica, panoramica, superficiale di trovarvi a Genova.

Una manciata di casette variopinte, il porticciolo gremito di imbarcazioni, la parlata genovese che risuonava nelle strade–e ovunque il profumo inconfondibile della farinata e della focaccia calda…

 

la_boca

Tale doveva essere il vecchio quartiere della Boca: una Genova in miniatura, popolata da marinai e pittori, massaie e prostitute, poeti vernacolari e contrabbandieri, commercianti e compositori di tango.

Un quartiere di angiporto: variopinto e inquietante, povero e fiorente al contempo, ove l’immigrazione prevalentemente ligure aveva imposto pacificamente l’uso del dialetto genovese.

Tutti, con poche eccezioni, vivevano nei “conventillos” della Boca, ove cinque, sei famiglie installate ciascuna in una stanzetta attorno al patio compartivano bagno e cucina.

tango[1]

Sostengono, i bochensi odierni, che questi immigrati formassero comunità utopiche ove la povertà era dignitosa, e ove regnavano solidarietà, amicizia e ordine assoluto.

Dipinte e ritoccate continuamente con le vernici delle imbarcazioni, le casette della Boca conferivano al quartiere l’aspetto pittoresco per cui esso resta iscritto nell’immaginario urbano di Buenos Aires come un luogo esotico, come la piccola Genova dove gli antichi immigrati avevano imposto il modus vivendi della loro patria.

Nella Boca un po’ ingrigita di oggi, i discendenti degli immigrati italiani esercitano ancora il culto della memoria ligure del quartiere.

Ai genovesi in visita, la gente della Boca racconta–con un po’ di compiacimento–aneddoti gustosi sullo spirito industrioso, sí, ma anche ribelle dei loro antenati. Anticlericali convinti di fede massone, socialista e anarchica, raccolti in quella che è l’oramai centenaria associazione mutuale “La Ligure”, questi vecchi genovesi resero la vita difficile a più di un parroco della chiesa locale.

Nel 1882, a seguito di uno sciopero generale, pare che essi fossero giunti al punto di issare la bandiera genovese sull’edificio più alto del quartiere, proclamando la nascita della “Repubblica Genovese della Boca.”

Se tale repubblica ebbe vita breve, va anche detto che essa lasciò un segno profondo in una memoria collettiva improntata all’orgoglio delle proprie radici. Una memoria, quella della vecchia Boca genovese, che non si perde.

Sono ancora tante le storie di famiglia che il visitatore odierno può raccogliere camminando per le stradine del quartiere.

Punteggiate di parole italiane, e più spesso ancora di termini genovesi, queste storie cominciano immancabilmente con il “barco” da cui scesero i nonni (o i genitori), ciascuno determinato a passare dalla povertà a una discreta ascesa sociale attraverso la redenzione del lavoro.

Ma l’anima della Boca non è solo l’orgoglio di un’immigrazione industriosa: qui, infatti, la dimensione epica del riscatto sociale è ingentilita da altri due temi fondamentali della comunità immigrante creolizzata: la pittura e il tango.

La Boca degli anni d’oro (ossia dalla seconda metà del secolo scorso fino alla fine degli anni ’60) è il quartiere boemio in cui pittori come Alfredo Lazzari o Quinquela Martin–tutti di origine rigorosamente italiana–installavano i loro cavalletti sulla ribera o direttamente nelle barche, contribuendo con le loro opere all’identità caratteristica del luogo.

Del tango, la Boca é uno dei luoghi mitici. Lo é perché il tango esprime la malinconia degli immigrati. E lo é anche perché l’angiporto forniva lo sfondo adeguato per un ballo di origine postribolare, e per canzoni i cui testi (letras) erano scritti in lunfardo, il gergo della malavita infarcito di espressioni dialettali italiane, spesso genovesi.

Fino a non molti anni fa, il tango lo si ballava fino all’alba nelle pizzerie (cantinas) della Boca, tra una porzione di faina’ e un bicchiere di vino. Il turista di oggi, invece, si deve accontentare di una passeggiata in Calle Caminito, dedicata al celeberrimo tanguero bochense Filiberto.

Se ti è piaciuto questo articolo, iscriviti al feed cliccando sull’immagine qui sotto per essere informato sui nuovi contenuti del blog:

feed-rss-icon-mate-pava522

Lascia un commento

*