Crea sito

Turismo avventura in Argentina (alpinismo): scalata alla cima del vulcano Lanín.

Questo è un altro sport d’avventura che ogni giorno ha più seguaci in tutto il mondo. Considerato ad alto rischio, utilizza la forza fisica di braccia e gambe, combinando le capacità tecniche dello scalatore.

Per i principianti è consigliato di non iniziare le salite nei muri naturali, ma in quelli artificiali e sotto la guida di una guida professionista che, a prezzi modici, offre tutte le informazioni teoriche e pratiche per avventurarsi in questa entusiasmante attività.

Per motivi di sicurezza è preferibile che ogni salita non venga eseguita individualmente, è meglio muoversi in gruppo, soprattutto per condividere l’esperienza.

Il Lanín è uno stratovulcano situato lungo il confine tra Argentina e Cile nella catena montuosa delle Ande.

Utilizzare l’abbigliamento appropriato.

È essenziale utilizzare l’abbigliamento appropriato per eseguire questa specialità. Fondamentalmente consiste in un’imbracatura in vita, moschettoni di sicurezza e “zampe di gatto” che è la calzatura specifica, molto flessibile e con una suola in gomma di alta aderenza, oltre alla resina di magnesio che impedisce alle mani di perdere e perdere aderenza.

Prima di partire, devi esaminare il terreno attraverso il quale passerai e se le condizioni meteorologiche sono avverse è meglio cancellare tutto, perché puoi subire una caduta o una scivolata.

Alla cima del vulcano Lanín.

I ripidi pendii del vulcano Lanín e il grande pendio da superare dalla sua base fino alla cima sono una sfida per gli amanti della montagna

Buona preparazione e corretta logistica.

Una buona preparazione e una corretta logistica nelle mani di coloro che hanno già eseguito l’impresa sono essenziali per rendere questa esperienza indimenticabile.

Leggi anche:  Dinosaurio record in Patagonia, aveva una lunghezza tra i 32 e i 24 metri.

I ripidi pendii del vulcano Lanín e il grande pendio da superare dalla sua base fino alla cima sono una sfida per gli amanti della montagna. San Martín de los Andes è diventato una scuola in tal senso e ogni giorno ci sono più adepti in questo sport d’avventura.

Al nostro arrivo nella città della Patagonia, ci siamo messi in contatto con coloro che ci avevano informato via Internet dei dettagli del viaggio. Abbiamo portato l’attrezzatura personale essenziale per l’ascesa e il giorno dell’uscita ci siamo presentati molto presto nell’agenzia.

Una volta sul camion che ci avrebbe portato alla destinazione desiderata, abbiamo sentito il logico nervosismo precedente.

Quando arriviamo, eseguiamo le procedure obbligatorie davanti alle autorità dei parchi nazionali; lì l’altitudine è di 1.200 metri.

I diversi volti del vulcano ci hanno mostrato immagini uniche della Laguna Verde e del Lago Tromen

 Immagini uniche della Laguna Verde e del Lago Tromen.

Non abbiamo ritardato l’avvio dal momento che abbiamo avuto diverse ore di sforzi fisici. Abbiamo iniziato la marcia lentamente e poco a poco ci sentivamo più tranquilli.

Attraversammo prima la foresta, poi il terreno sabbioso lasciato dal ghiacciaio, poi la famosa lisca e infine le lumache.

Il sentiero era stretto, siamo andati a uno a fondo facendo attenzione a non calpestare le aree laterali dove il terreno era instabile; la fatica è stata avvertita.

I diversi volti del vulcano ci hanno mostrato immagini uniche della Laguna Verde e del Lago Tromen sul lato argentino e le colline Peineta e Colmillo sul lato cileno.

Leggi anche:  A causa dell'ampiezza nella latitudine e nei rilievi, l'Argentina è soggetta a una grande varietà di climi.

Abbiamo trovato lungo la strada alcune chiazze di neve dura. In essi, le guide costruivano le scale per evitare scivolamenti e cadute.

Quando le cupole erano in vista, affrettammo il passo per abbassare i nostri zaini pesanti e riposare.

Quando le cupole erano in vista, affrettammo il passo per abbassare i nostri zaini pesanti e riposare, qualcosa che avevamo desiderato negli ultimi metri di salita. Già in quel rifugio civettuolo, il pranzo era un momento di relax e di chiacchiere divertenti.

Lasciamo i nostri effetti personali nell’area in cui dormiamo. Prima che il sole tramontasse, facemmo pratica di usare ramponi e ramponi per i settori congelati che avremmo trovato il giorno dopo, caricammo le mense di neve e andammo a riposare per riprenderci e affrontare il secondo giorno.

Ancora non eravamo all’alba quando siamo partiti con le lanterne in mano, ben avvolti e dopo la colazione per finalizzare l’ultima parte della montagna.

Ancora non eravamo all’alba quando siamo partiti con le lanterne in mano.

Che poco mancava e quanto ancora vivere!

Quando abbiamo raggiunto i 3000 metri di altitudine, abbiamo visto come era il sole e abbiamo goduto di qualcosa di così estraneo alla nostra vita quotidiana. Abbiamo attraversato i “penitentes”, un settore con formazioni di neve ghiacciata che ci ha fatto uscire dalla sonnolenza che il mattino presto ci ha prodotto.

L’arrivo al vertice ci ha incontrato con estrema stanchezza e freddo. Avevamo camminato attraverso la grondaia, la spalla dei 3.500 e eravamo nel punto desiderato.

La cresta del Lanín era tutto per noi, con i suoi 360 gradi di paesaggi impressionanti da dove le colline erano piccole e minime. La nostra tenacia aveva il suo premio e l’emozione contenuta era fuori controllo tra abbracci e foto di gruppo.

Leggi anche:  Il Canale di Beagle attira ogni anno numerosi turisti per la quantità di attrazioni naturalistiche che offre.

Tecnicamente, il Lanín è una montagna senza troppe difficoltà, ma è conosciuta per il clima molto mutevole in termini di vento e visibilità. Tra le previsioni è quello di fare la salita con una guida qualificata che conosce le condizioni meteorologiche. Il resto è nelle nostre mani, gambe e spirito.

La cresta del Lanín era tutto per noi, con i suoi 360 gradi di paesaggi impressionanti

Dati utili.

Da tenere in considerazione: il contatto con l’operatore viene effettuato prima dell’arrivo a San Martin de los Andes. In questo modo sono noti i dettagli dell’attività e la comodità o meno di farlo: l’operatore offre trasferimento, guida alpina, pasti, servizio di campeggio e attrezzatura tecnica. Il cliente contribuisce con i suoi vestiti e gli elementi personali essenziali per la promozione.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Santa Fe sorge di fronte alla città di Paraná, alla quale è collegata dal Tunnel Subfluviale Hernandarias. Successivo Annuario 2018: la top ten dei post di Argentina Tour più visualizzati nel 2018.

2 commenti su “Turismo avventura in Argentina (alpinismo): scalata alla cima del vulcano Lanín.

    • argentinatour il said:

      @Hugo. Hai ragione, la Patagonia è un posto meraviglioso. «Patagonia» dicevano Coleridge e Melville, per significare qualcosa di estremo. «Non c’è più che la Patagonia, la Patagonia, che si addica alla mia immensa tristezza» cantava Cendrars agli inizi di questo secolo.

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.