Santa Fe sorge di fronte alla città di Paraná, alla quale è collegata dal Tunnel Subfluviale Hernandarias.

Santa Fè è la capitale dell’omonima provincia.
È situata nella parte nord-orientale del paese, nei pressi della confluenza dei fiumi Paraná e Salado.
Sorge di fronte alla città di Paraná, alla quale è collegata dal Tunnel Subfluviale Hernandarias.
La città è inoltre collegata tramite un canale con il porto di Colastiné, sul fiume Paraná. Santa Fe ha una popolazione di circa 370.000 abitanti, mentre la sua area metropolitana raggiunge i 454.000 abitanti, ed è la nona dell’Argentina.
Santa Fe è il principale centro commerciale ed il nodo di trasporto per una ricca area agricola che produce grano, oli vegetali e carne. È sede dell’Università Cattolica di Santa Fe, inaugurata nel 1959, dell’Università Nazionale del Litorale (fondata come Università Provinciale nel 1889, e dal 1959 con l’attuale denominazione), diversi musei e un consistente numero di edifici di epoca coloniale. Il simbolo della città è il Puente Colgante, costruito negli anni ’20 del XX secolo, e, in seguito all’inondazione di 1983, ricostruito durante l’anno 2003.

In origine Santa Fe fu fondata, nel 1573, nella vicina località di Cayastá, dove è sepolto Hernandarias, il primo governatore nativo americano del Sudamerica. Fu trasferita al sito attuale nel 1653 a causa delle continue esondazioni del fiume Cayastá. La città divenne capitale provinciale nel 1814, quando il territorio della provincia di Santa Fe fu separato dalla provincia di Buenos Aires dall’Assemblea Nazionale Costituente.
La città, anche nell’attuale collocazione, non è immune dalle inondazioni. Il 29 aprile 2003 il livello del fiume Salado si alzò di quasi 2 metri nel giro di un paio d’ore in seguito ad un forte acquazzone, causando una catastrofica alluvione. Non meno di 100.000 persone furono fatte evacuare, ed ampi settori della città rimasero allagati per più di una settimana.
La pesca sportiva si può praticare lungo i 700 km. di costa. A Reconquista, a 350 km dalla città di Santa Fe, si tiene la Gara Argentina di Pesca di Surubí, il torneo di pesca sportiva più importante del paese. Le sponde del Paraná hanno una lussureggiante vegetazione e una svariata avifauna composta di oltre 300 specie d’uccelli, ideale per la pratica d’avvistamento e il safari fotografico. Le forti influenze dell’agro in questa provincia invitano ad inoltrarsi nei circuiti di produzione più indicativi (ad esempio nei caseifici).
Si può rivivere la sua storia e il profondo segno che ha trasmesso la cultura ispanica in luoghi come Cayastá, dove si conservano le rovine di Santa Fe La Vieja, Monumento storico nazionale. Il capoluogo, Santa Fe e Rosario sono centri urbani di notevole densità demografica, rilevante movimento culturale e commerciale, convenienti per lo sviluppo di un turismo avviato ai business ed ai congressi.

Leggi anche:  La regione centrale si caratterizza per le vaste pianure fertili e grandi agglomerati urbani.

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Il Nord Est argentino comprende due subregioni: la chaqueña e la mesopotamica. Successivo Turismo avventura in Argentina (alpinismo): scalata alla cima del vulcano Lanín.

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.